martedì 26 marzo 2013

Oggi è il sesto anniversario del nostro raduno

Oggi è il sesto anniversario del nostro raduno

 
    25 marzo 2007 - 25 marzo 2013
      6 anni



 ▪ 2630 membri


 ▪ migliaia di simpatizzanti


  una delle pagine facebook le più attive della politica francese


 ▪ l'uno degli siti internet i più visitati di tutti gli grandi partiti politici francesi



 ▪ il partito il più censurato di tutti i media principali



 ▪ il partito politico con la più grande crescita di Francia



Non riescono ad  impedire nostro successo.




6 anni fa questo giorno, ho creato l'Unione Popolare Repubblicana.


Durante i pochi anni che ho passato nei corridoi del potere, negli anni '90, avevo scoperto con sgomento a che punto qualsiasi dei nostri politici - destra e sinistra - non si preoccupava degli effetti letali della cosiddetta "costruzione europea" sulla libertà, il livello di vita e l'influenza della Francia.

I pochi altri anni che avevo poi trascorso in ambienti "sovranisti" - al inizio dei anni 2000 - mi avevano insegnato il modo in cui erano solo avversari di nome, che contribuirono a bloccare completamente la scena politica francese . Tra europeisti da un lato, e sostenitori di una "Altra Europa" per il 30 febbrai dall'altro, nessun partito politico spiegava ai francesi cosa è veramente la cosiddetta "costruzione europea", che sono i suoi reali sostenitori, e quali sono i suoi reali obiettivi. E nessun partito dall'estrema destra all'estrema sinistra attraverso l'intero spettro della politica francese, non proponeva di trarre le conseguenze lucidamente.

Per questo motivo, in questo 25 marzo 2007, ho creato l'UPR per chiamare i Francesi da tutti gli origine, le opinioni e le credenze a riunirsi per liberare il nostro paese da questa trappola strategica progettato oltre-atlantico e vecchia di mezzo secolo.


Inizi patetici

Gli inizi dell'UPR erano patetici.

Non c'era folla, e 'il minimo che possiamo dire al Ginnasio Leon Biancotto Porte de Clichy, dove sono riuscito, non senza difficoltà, di tenere il congresso fondate.

Dei 81 giornalisti specialisti di stampa, televisivi e radiofonici della politica francese che io ho personalmente invitati a questo evento, non uno si degnò di fare il viaggio. Non c'erano perfino uno per chiamare solo per farmi delle domande. Non abbiamo avuto nessuna ricaduta mediatica di qualsiasi tipo.

Un totale, 50 persone sono venute a assistere a questa brutta partenza, senza mezzi finanziari o supporti. Circa 30 di loro aderirono Erano principalmente amici, la maggior parte dei quali l'hanno fatto per rendermi felice. Ho anche visto bene nei loro occhi, che pensavano "eccessiva" la mia analisi e non hanno creduto per un momento che questo movimento politico possa avere un po 'di ulteriore sviluppo.

Una piccola minoranza di coloro che hanno aderito lo ha fatto per convinzione. E solo una manciata di loro sono rimasti fedeli all'UPR durante i tristi anni 2007, 2008 e 2009, quando stavo predicando nel deserto. Sono ancora membri del nostro movimento e gli dedico una immensa gratitudine.

E per le rarissime persone intorno a me professionalmente che non mi avevano ancora del tutto girato le spalle, mi hanno fato sapere, guardandomi pietosamente, che mi buttavo in un'avventura suicida che potrebbe portare a nulla.

Erano, inoltre, non solo loro nel marzo 2007, a pensare così. Dato che l'
idea stessa che siamo in grado di proporre ai Francesi di fare uscire la Francia fuori dell'Unione europea e dell'euro sembrava, 6 anni fa, una totale assurdità per più del 99% delle persone con cui né parlavo.

Era l'epoca in cui Jean-Marie Le Pen ha annunciava che non rimetterebbe in discussione l'euro se era eletto al Elysee (AFP dichiarazione del 16 giugno 2006, dal titolo: Le Front national cherche à nuancer son discours sur l'Europe / Il Fronte Nazionale cerca di sfumare il suo discorso sull'Europa).

Era l'epoca in cui sig. Dupont-Aignan chiamava a votare "a nome personale" per Nicolas Sarkozy, dopo aver proposto nel suo programma presidenziale, di creare uno Senato degli Stati europei e una Corte Suprema europea ,modello esatto del Senato e la Corte Suprema degli Stati Uniti d'America (proposta 24 e 25 del programma 2007).

Era l'epoca in cui il signor Chevènement chiamava a radunarsi dietro Ségolène Royal.

Un atto davvero rivoluzionario


Questi ricordi sono essenziali da tenere a mente per misurare come la Carta Fondante dell'UPR, che ho proposto a l'adozione delle persone presente al Congresso Fondante del 25 marzo 2007, è stato di per sé un atto rivoluzionario.

▪ Per la prima volta, un documento fondante di un partito spiegava in nero su bianco che cosa è la cosiddetta "costruzione europea".

Per la prima volta, un documento politico rigettava tutte le ambiguità calcolate dalle esche "sovraniste", annunciando che l'obiettivo centrale del partito che è stato istituito nel giorno del 50 ° anniversario del Trattato di Roma, è quello di farlo uscire la Francia.


Per la prima volta, una Carta di un partito politico portava la questione europea al centro decisivo della battaglia , e ha preso la decisione di rifiutare i dibattiti di secondo ordine il cui unico scopo è quello di mantenere un artificiale scissione destra-sinistra che non ha motivo di essere quanto la sovranità nazionale non esiste più.

Ho scritto questa Carta perché non ne potevo più di essere ingannato da tutti i politici in quali avevo dato fiducia successivamente, e avevo finalmente scoperto che la salvezza della Francia era soltanto l'ultima delle loro preoccupazioni. Volevo che, anche se il movimento politico che ho creato da zero non riuscisse a crescere, sia almeno una testimonianza alle generazioni future, che qualche lucidi Francesi avevano avuto il coraggio di estrarsi della scena politica francese completamente crivellati dalle esche di qualsiasi tipo.


Il Tempo fa la sua opera

Dal Congresso Fondante, il tempo è passato. Questo tempo, che come ci insegna Tertullianogià nel secondo secolo "rivela tutto", ha cominciato a fare la sua opera benefica.

Dopo parecchi anni di traversata del deserto, l'UPR ha davvero iniziato a crescere nel 2010, quando l'inizio della crisi dell'euro ha cominciato a dare credito alle mie conferenze, che si cominciò a diffondere la parola-del passaparola via Internet. E dal 2011, il nostro gruppo è in crescita l'ansia che stupisce e da l'ansia a tutti gli altri, e dovrebbe fornire alcuni incubi per alcuni.

Nel sesto anniversario dell'UPR, mentre oggi abbiamo accolto il nostro 2630° membro , io resterò sobrio nelle celebrazioni . Perché se abbiamo fatto mentire osservatori maligni che avevano profetizzato che ero "solo un buon oratore" e che non usciremo mai dell'insignificanza, ci vuole molto di più di quello per potere invertire il corso della storia.

L'unica cosa che voglio dire è che l'aumento spettacolare del nostro movimento dimostra che le nostre analisi dal inizio sono state e rimangono buoni.

Se il nostro movimento sfida i pronostici e cresce nonostante la nostra povertà finanziaria e nonostante il bloccaggio feroce i media tradizionali, è perché le persone che ci scoprano, vengono a sentire, con ogni fibra del loro cuore e della loro menta, che non siamo un movimento come gli altri. Essi vedono giorno dopo giorno e mese dopo mese, che abbiamo per etica costante di sempre dire la verità, senza mai abbassarsi nelle ambiguità imparate e le incoerenze calcolate che i politici coltivano per cercare di accontentare tutti.

Da 6 anni che è stato creato l'UPR, non abbiamo cambiato di una virgola la nostra Carta Fondante.

Da 6 anni che è stato creato l'UPR, la Carta Fondante non ha mai smesso di apparire come sempre più lucida e premonitore.

E dopo 6 anni, questa Carta Fondante è un po 'più ogni giorno come l'unica soluzione strategica per i problemi della Francia.

Per questo motivo, in questo sesto anniversario, mi limiterò a consigliare a tutti i nostri lettori a leggere o rileggere il nostro documento fondante : http://www.upr.fr/charte-fondatrice e qui in italiano

Poiché queste pagine invariate da 6 anni, contengono in sé, quello che fa ora l'irresistibile ascesa dell'UPR.


François Asselineau

25 marzo 2013