giovedì 25 aprile 2013

Mercato transatlantico : si accelerano le negoziazione


Oggi una traduzione del eccellente blog francese "contrelacour" sul mercato transatlantico:
alcuni legami saranno in francese o inglese ma ho messo tutti quelli che ho potuto trovare in italiano. 


 Mercato transatlantico : si accelerano le negoziazione

 



C'è un po 'più di due anni, ho imparato l'esistenza di trattative per la creazione di un mercato transatlantico grazie al lavoro del blog "La théorie du tout." Una miniera d'oro per chiunque sia interessato all'argomento.

Allora mi attaccai a scrivere una sintesi di tutti gli elementi su questo blog. Una sintesi che consiglio vivamente la lettura, e il documento su cui si basa, al fine di capire le basi storiche e ideologiche di questo progetto ancora sconosciuto.




Soprattutto, esorto tutti i lettori a dedicare un po 'del loro tempo per ascoltare questa conferenza in rete interamente dedicata al mercato transatlantico (in francese).




Questo nuovo articolo vuole essere una nuova sintesi delle ultime notizie pubblicate su questo argomento.



Una accelerazione del calendario


Se la proposta di libero scambio commerciale tra gli Stati Uniti e l'Unione europea sembrava sfiatarsi per alcuni anni, questi ultimi mesi hanno visto un accelerazione del calendario .Una consacrazione del lavoro svolto dal 2009 dal commissario europeo al commercio, Karel de Gucht, che ha fatto secondo il sito Challenge.fr, "il grande progetto del suo mandato."

Un desiderio di mantenere il calendario stabilito dal Parlamento europeo in una risoluzione del giugno 2006 in cui ha sottolineato "l'imperiosa necessità" di "completare, senza ostacoli, il mercato transatlantico entro il 2015."

Anche secondo il blog La théorie du tout, si apprende che il
Consiglio europeo del 18 e 19 ottobre 2012 è stato l'occasione per i governi europei "di mettere sul tavolo l'ambizione di raggiungere un accordo globale commerciale con gli Stati Uniti al più presto possibile, il lancio delle trattative in 2013. "
Pochi giorni dopo (23 ottobre), il
Parlamento europeo ha votato a "una larghissima maggioranza una risoluzione volta a incoraggiare i governi europei e americani per continuare."


Più recentemente, in occasione del Consiglio europeo del 7 e 8 febbraio , i capi di Stato hanno riferito dell'attesa "con interesse la relazione e le raccomandazioni del gruppo di lavoro" e hanno invitato "la Commissione a proseguire senza indugio le raccomandazioni nella presidenza attuale. " Il Consiglio europeo ribadisce il suo sostegno a un accordo globale sul commercio in cui "dovrebbe essere data particolare attenzione ai modi per raggiungere una maggiore convergenza transatlantica rispetto alle regolamentazione ."

Una ambizione premiata il 11 febbraio con la presentazione del rapportofinale del gruppo di lavoro di alto livello sul occupazione e la crescita. Questo gruppo di lavoro, presieduto da Ron Kirk ripresentando gli Stati Uniti sulle questioni commerciali, e da Karel De Gucht, è stato creato in occasione del vertice del 28 novembre 2011.
Questo rapporto chiede l'avvio delle trattative tra le due parti e descrive le particolari aree in cui l'Unione europea e gli Stati Uniti hanno trovato un terreno comune.

Il contenuto dell'accordo


 
Secondo un comunicato stampa della Commissione europea, l'Unione europea e gli Stati Uniti non solo vogliono rimuovere i dazi. Infatti, i tassi che ciascuna delle parti applica all'altra sono già bassi (solo il 4% in media), "in modo che i principali ostacoli al commercio sono dopo i confini : regolamentazione, ostacoli non tariffari e vincoli amministrativi superflui" .
Armonizzando le loro normative, l'obiettivo è anche quello di creare un punto di riferimento per lo sviluppo di regole globali.

Secondo le ultime stime,
i vantaggi economici annui previsti sarebbero nell'ordine del 0,5% del PIL per l'Unione europea (circa 86milliardi di €).

Per ulteriori informazioni su questo argomento, vi consiglio di leggere il
comunicato stampa della Commissione del 12 marzo 2012, così come l'articolo del sito Europaforum.lu.
Il più motivati ​​di voi sono invitati a leggere il
progettodi mandato di negoziazione. dato alla Commissione europea

La preparazione per le trattative


Il 12 marzo 2013 la Commissione europea ha approvato il progetto di per la conclusione con gli Stati Uniti dell'accordo chiamato « Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti » e dando il via alle trattative.
Il progetto di sarà ora trasmesso al Consiglio, gli Stati membri lo devono approvare per potere iniziare le trattative iniziare.
Il Congresso degli Stati Uniti sta anche sequestrato.
L'obiettivo è di rendere attivo questo mandato a partire dal giugno 2013.


I ministri del commercio degli Stati europei si sono anche riunito il 17 e 18 aprile.
Il signor Karel de Gucht ha anche partecipato alla riunione, così come il consigliere 
americano del commercio internazionale: 
 il signor Mike Froman.
Questa è la prima volta che un rappresentante del governo degli Stati Uniti è stato in grado di parlare direttamente con i ministri europei delle relazioni commerciali tra l'UE e il suo paese. 
Secondo il comunicato stampa della Presidenza irlandese (1), questo evento segue “una serie di incontri ad alto livello a Washington tra il ministro irlandese (Bruton) e figure chiave del governo degli Stati Uniti."


"Che cosa è cambiato, a mio parere, è che in Europa, stanno lottando per trovare la ricetta per la crescita in questo momento, in parte a causa delle misure di austerità (e) in assenza uno più ambizioso piano commerciale "
(Barack Obama davanti al suo consiglio delle esportazione il 12 marzo 2013)


Il Parlamento europeo è anche investito della questione: durante la sessione plenaria a fine maggio, i deputati dovrebbero votare una risoluzione sul mandato conferito alla Commissione
Il testo proposto invita il Consiglio "a seguire le raccomandazioni contenute nello rapporto finale del gruppo di lavoro e di autorizzare, nel più breve tempo possibile, la Commissione ad avviare le trattative" E' ricordato che l'accordo deve comprendere "alcun rischio per la diversità culturale e linguistica dell'Unione" e anche "una forte protezione dei diritti di proprietà intellettuale (DPI)" Dovrà anche "tener conto di aspetti legati all'ambiente e all'occupazione"
Soprattutto, il Parlamento europeo ha esortato le parti a non lo escludere delle principali fasi della trattativa, ricordando che egli, in tutti i casi, dovrà infatti dare la sua approvazione per l'accordo definitivo.
Infine, "le brevi termini" non devono influire sulla qualità del l'accordo: "I ​​negoziatori non concluderanno frettolosamente un accordo che non porterà benefici reali e sostanziali per le nostre imprese, i nostri lavoratori e i nostri cittadini ".

La volontà di "prendere il tempo" condivisa dal ministro francese Nicole Bricq, venuta a prendere il polso dei eurodeputati il 16 aprile.

"
So che la Commissione europea vorrebbe avviare le trattative per il partenariato transatlantico prima dell'estate, ma qualsiasi precipitazione nelle trattative sarebbe pregiudizievole per gli interessi europei [...] L'accordo tra le due prime potenze commerciali del mondo è un problema normativo e democratico maggiore La qualità di della carica che daremo la Commissione è quindi indispensabile "(Nicole Bricq, 16 avril 2013)

La posizione francese


"Difenderò un accordo rispetuoso dei nostri valori, della visione europea della cultura,del nostro modello agricolo e per la promozione ambientale e la transizione energetica. Farò in modo che la Francia fara sentire i suoi interessi"
(Nicole Bricq 13 febbraio 2013)

A seguito della riunione del Consiglio "commercio" dei ministri europei, un comunicato stampa francese ha riportato persistente disaccordo sul contenuto del mandato per le trattative fra le varie parti

La Francia ha già indicato alcune "linee rosse": le aree da escludere dalle trattative per ottenere l'approvazione di Parigi.
Queste aree includono:
- Audiovisivo
Condividendo le riserve indicate da eurodeputati, la Francia sostiene la volontà di escludere i servizi audiovisivi del mandato delle trattative

Una volontà condivisa dai membri francesi della commissione per gli affari europei, che, il 9 aprile, ha adottato una risoluzione sul rispetto per l'eccezione culturale nei negoziati .
- Difesa
"Ci siamo impegnati con altri Stati membri di escludere delle trattative tutto ciò che riguarda la difesa" (Nicole Bricq, 23 aprile 2013) Il ministro non ha intenzione di aprire il nostro mercato, mentre i mercati pubblici degli Stati Uniti sono ancora molto chiusi

La Commissione europea desidera, a sua volta, avviare i negoziati "senza escludere alcune aree" anche se ha alcune riserve in agricoltura.

Barroso ha indicato di non volere "fare concessioni in materia di OGM o di ormoni." A questo proposito, Karel de Gucht ha anche garantito che "per quanto riguarda gli OGM" "la nostra legislazione resterà in vigore".

Una informazione che non è particolarmente rassicurante, in quanto le norme europee non istituiscono moratoria sugli OGM (direttiva 2001/18/CE sull'emissione deliberata di organismi geneticamente modificati nell'ambiente)
Sugli ormoni, la posizione degli Stati Uniti non è francamente rassicurante : i due lati sono recentemente (o cui) venuto a porre fine a una controversia commerciale risalente al 1988 (anni di divieto di importazioni di carni bovine provenienti da animali trattati con ormoni di crescita dell'Unione europea). In cambio per la continuazione dell'embargo, l'UE ha dovuto accettare di aumentare le importazioni di "carni bovine di alta qualità". guardare

Per ulteriori informazioni sul posizionamento del ministro francese del Commercio, vi esorto ad ascoltare la trasmissione di France Culture il 17 aprile.


(1) Durante la presidenza irlandese dell'Unione europea, è il ministro Richard Bruton deve presiedere le riunioni dei Consigli "commercio" dell'UE.