sabato 18 gennaio 2014

Amicizia franco-tedesca – II. Kenedy Knappstein e il trattato dell'Eliseo

Più di 50 anni di mistificazione del trattato franco-tedesco dell'Eliseo


 15 prove per smontare la propaganda :

Dopo il 50° anniversario del trattato franco-tedesco dell'Eliseo del 22 gennaio 1963 e del tsunami di propaganda europeista che invadé i media francesi per questa occasione, è utile fornire un antidoto. Si tratta di una cronologia illuminante degli eventi che hanno circondato questo famoso trattato e la non meno famosa “coppia franco tedesca” che né è sensata essere nata.
Fondata su 15 documenti irrefutabile, questa cronologia permetterà al lettore di smascherare precisamente le bugie svergognate che i media e i dirigenti politiche spargono. 

I L'idea di de Gaulle
II Kenedy Knappstein e il trattato dell'Eliseo
III Il doppio gioco tedesco
IV De Gaulle tra rabbia e delusione 
V Voglia tedesca di dirottare l'OFAJ (ufficio franco tedesco per la gioventù)
VI La nuova strategia gollista 
VII Descrizione della strategia americana e voglia di contro-peso
VIII La vera strategia della Germania
IX Conclusione
II Kenedy Knappstein e il trattato dell'Eliseo



DOCUMENTO N°2

  • 19 Gennaio 1963 = TELEGRAMMA DIPLOMATICO DEL RESOCONTO DEL UDIENZA DEL SIG KNAPPSTEIN AMBASCIATORE DI GERMANIA NEGLI STATI UNITI, CON IL PRESIDENTE KENNEDY
Agenti dei servizi segreti, probabilmente collocati in posizioni di responsabilità sia a livello del Ministero francese degli Esteri che nel funzionamento dello stato tedesco occidentale avevano tenuto il governo degli Stati Uniti informato sia del progetto di trattato franco-tedesco che delle esigenze della parte francese.
Washington naturalmente capì quale era lo scopo di Charles de Gaulle: lo sgombero degli Stati Uniti d'America della loro influenza sulla "costruzione europea", prendendo un disaccoppiamento tra Germania Ovest e gli Stati Uniti.
Questo è il motivo per cui, tre giorni prima della firma ufficiale del trattato - il 19 gennaio 1963 - Il presidente Kennedy ha convocato nell'Ufficio Ovale della Casa Bianca, l'ambasciatore tedesco Karl-Heinrich Knappstein per esprimere espressamente le sue rimostranze.
Il dispaccio diplomatico inviato dal diplomatico tedesco-occidentale alle sue autorità di tutele per rendere conto di questa importante intervista è disponibile online su Internet. Ecco la parte più significativa:
 
Il Presidente [Kennedy] era ovviamente di cattivo umore, ripetutamente, ha chiaramente espresso la sua critica dello stato interno dell'Alleanza [Atlantica] e ha manifestato le sue preoccupazioni nei confronti del Trattato [dell'Eliseo].

Durante l'intervista, ho provato diverse volte - sia pure con alterne fortune - di convincere il presidente dei meriti del trattato, ho evidenziato il significato positivo del Trattato per la politica europea e il futuro dell'Alleanza, e ho detto che una stretta cooperazione franco-tedesca poteva probabilmente essere fruttuosa per l'intera Alleanza, in particolare per quanto riguarda gli aspetti della politica del generale de Gaulle che irritavano il presidente.



Il presidente Kennedy  e l'ambasciatore tedesco Knappstein


Per chi sa leggere tra le righe, vediamo che l'ambasciatore tedesco era stato incaricato di rassicurare il Presidente degli Stati Uniti d'America, lasciando puntare il doppio gioco che la Germania Ovest si stava preparando a implementare. Come scritto dall'ambasciatore Knappstein, la collaborazione franco-tedesca potrebbe finire per essere un successo per l'intera Alleanza atlantica perché i Tedeschi si facevano forti di attrarre Parigi contro la sua volontà in una collaborazione con gli Stati Uniti.



DOCUMENTO 3:
  • 22 Gennaio 1963 = IL TRATTATO FRANCO-TEDESCO DELL'ELISEO

Il 22 gennaio 1963, il generale de Gaulle e il cancelliere Adenauer firmano il trattato di cooperazione nello salotto Murat dell'Eliseo. La stampa presenta questo documento come destinato a "sigillare la riconciliazione tra la Francia e la Repubblica federale di Germania ".

Allego l'intero trattato, ma il lettore frettoloso ora potrà percorre solo la parte in grassetto.
Dobbiamo ricordare che, in base a quanto ci si aspettava, il trattato non menziona in qualsiasi momento:
  • né gli Stati Uniti d'America
  • né il Regno Unito
  • né la presunta necessità di cooperare con la Nato- o di subordinarsi
  • né la presunta necessità di smantellare i regolamenti dei scambi commerciali nel quadro del GATT.
Si parla dell'Alleanza atlantica solo una volta, nel contesto della mera "consultazione su questioni di interesse comune". Poiché si prevede che entrambi le parti non si consulteranno sulle attività del Consiglio d' Europa, l'OCSE, l'UEO (Unione dell'Europa occidentale - scomparsa nel giugno 2011), la Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate (FMI, Banca mondiale, ecc.).

= = = = = = = =TESTO COMPLETO TRADOTTO DEL TRATTATO= = = = = = = = = =

A seguito della dichiarazione congiunta del Presidente della Repubblica francese e il Cancelliere della Repubblica federale di Germania il 22 gennaio 1963, relativo all'organizzazione e ai principi di cooperazione tra i due Stati, le seguenti disposizioni sono state approvato:

I.- ORGANIZZAZIONE

1. I capi di Stato e di governo dovranno dare direttive come necessario e monitorare regolarmente l'attuazione del programma indicato di seguito. Si incontreranno per questo scopo quando necessario, e, in linea di principio, almeno due volte all'anno.

2. I Ministri degli Affari Esteri provvederanno all'attuazione del programma nel suo insieme. Si incontreranno almeno ogni tre mesi. Fatto salvo dei contati normalmente stabilito attraverso dalla via delle ambasciate, i funzionari delle due Ministeri degli Affari Esteri, responsabili rispettivamente per gli affari politici, economici e culturali, si incontreranno ogni mese, alternativamente a Parigi e Bonn per discutere dei problemi in corso e preparare la riunione dei ministri. D'altra parte, le missioni diplomatiche e consolati dei due Paesi e le loro rappresentanze permanenti presso le organizzazioni internazionali prenderanno tutti i contatti necessari su questioni di interesse comune.

3. Incontri regolari tra le autorità dei due Paesi nei settori della difesa, istruzione e gioventù. Essi non influenzano il funzionamento delle organizzazioni esistenti - Comitato Culturale franco-tedesco, gruppo permanente di personale militare - le cui attività verranno invece sviluppata. I Ministri degli Affari Esteri saranno rappresentati in queste riunioni per garantire il coordinamento generale della cooperazione;
a) I ministri dell'Esercito o della Difesa si riunisce almeno una volta ogni tre mesi. Allo stesso modo, il ministro francese dell'Educazione Nazionale si riunirà seguendo lo stesso ritmo, la personalità che sarà designato da parte tedesca di seguire il programma di cooperazione in termini culturali;
b) i Capi di Stato Maggiore dei due paesi si riuniranno almeno una volta ogni due mesi, in sua assenza, saranno sostituiti dai loro rappresentanti responsabili;
c) l'alto commissario francese per la gioventù e lo sport incontrerà almeno una volta ogni due mesi, il ministro federale della famiglia e della gioventù o il suo rappresentante.

4. In entrambi i paesi, una commissione interministeriale seguirà i problemi di cooperazione. Essa sarà presieduta da un alto funzionario degli Affari Esteri e comprenderà rappresentanti di tutte le amministrazioni interessate. Il suo ruolo sarà quello di coordinare le attività dei ministeri e di riferire periodicamente al Governo sullo stato della cooperazione franco-tedesca. Lei sarà inoltre tenuta di fornire tutti i suggerimenti utili per l'attuazione del programma di cooperazione e la sua possibile estensione a nuove aree.

II. PROGRAMMA

A. - Affare esteri

1. I due Governi si consulteranno prima di ogni decisione su tutte le questioni importanti di politica estera, principalmente su temi di interesse comune al fine di ottenere, per quanto possibile, una posizione simile. Questa consultazione includerà i seguenti argomenti: Problemi relativi alle Comunità europee e cooperazione politica europea, relazioni Est-Ovest, sia politicamente che economicamente, Affari trattati entro il trattato dell'Organizzazione Nord Atlantica e le altre organizzazioni internazionali di cui entrambi i governi sono interessati, tra cui il Consiglio d'Europa, l'Unione dell'Europa occidentale, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, le Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate.

2. La collaborazione già consolidata nel settore dell'informazione verrà proseguita e sviluppato tra i servizi interessati a Parigi e Bonn e tra le missioni in paesi terzi.

3. Per quanto riguarda l'assistenza ai paesi in via di sviluppo, i due Governi confronteranno sistematicamente i loro programmi per mantenere uno stretto coordinamento. Essi esploreranno la possibilità di intraprendere realizzazioni congiunte. Diversi dipartimenti essendo competenti per queste materie, da parte francese e da parte tedesca, spetta ai due Ministeri degli Esteri di determinare congiuntamente le basi pratiche di questa collaborazione.

4. I due Governi esamineranno in comune i modi per rafforzare la loro cooperazione in altri settori importanti della politica economica, quali la politica agricola e forestale, la politica energetica, i problemi di comunicazione e di trasporto, e lo sviluppo industriale in un contesto di mercato comune e la politica dei crediti all'esportazione.

B. - DIFESA

I. Gli obbiettivi perseguiti in questo dominio saranno i seguenti:

1. Sul piano della strategia e della tattica; le autorità competente dei due paesi s'impegneranno a ravvicinare le loro dottrine per ottenere una vista comune. Gli istituti franco-tedeschi di ricerca operazionale saranno creati.
2. Gli scambi di personale tra gli eserciti saranno moltiplicati, e riguarderanno in particolare gli insegnanti e studenti nelle scuole di personale, possono includere il distacco temporaneo di intere unità. Per facilitare questi scambi, un tentativo sarà fatto su entrambi i lati per l'insegnamento pratico delle lingue tra gli studenti.
3. Per gli armamenti, i due governi cercheranno di organizzare uno sforzo congiunto dalla fase dello sviluppo di armi adeguate e piani di preparazione per il finanziamento dei progetti. A tal fine, comitati misti esamineranno ricerche in corso su questi progetti in entrambi i paesi e condurranno il loro esame comparativo. Saranno proposte ai ministri che le esamineranno nelle loro riunioni trimestrali e forniranno i necessari orientamenti di attuazione.

II. - I governi dovranno studiare le condizioni in cui la collaborazione franco-tedesca può essere stabilita in materia di protezione civile.

C. - Istruzione e gioventù

Dell'istruzione e della gioventù, le proposte contenute nel memorandum francese e tedesco del 19 settembre e 8 novembre 1962 saranno studiati secondo le modalità sopra descritte:

1. Nel dominio dell'istruzione, lo sforzo sarà principalmente sui seguenti punti:

a) Insegnamento delle lingue:
I due Governi riconoscono l'importanza fondamentale per la conoscenza della cooperazione franco-tedesca in ogni paese della lingua dell'altro. Essi si adoperano a tal fine, ad adottare misure concrete per aumentare il numero di studenti tedeschi imparando la lingua francese e gli studenti francesi che imparano il tedesco. Il governo federale discuterà con i governi statali, esperti del settore, come sia possibile introdurre un regolamento che raggiunge questo obiettivo. In tutti gli istituti di istruzione superiore dovrebbe essere organizzata insegnamento pratico della lingua francese in Germania e la lingua tedesca in Francia, che sarà aperto a tutti gli studenti.

b) Problema di equivalenze:
Le autorità competenti dei due Paesi saranno invitati ad accelerare l'adozione di disposizioni sull'equivalenza dei periodi di studio, esami, qualifiche e diplomi universitari.

c) Cooperazione tra materie scientifiche:
Gli organismi di ricerca e gli istituti scientifici svilupperanno i loro contatti iniziando da informazione reciproci più avanti, programmi di ricerca concertati saranno stabiliti nelle materie dove sarà possibile.

2. Tutte le possibilità saranno offerte agli giovani dei due paesi per stringere i legami che le uniscono e per rafforzare la loro intesa mutuale. I scambi collettivi saranno particolarmente moltiplicati. Un organismo destinato a sviluppare queste possibilità ed a promuovere questi scambi sarà creato dai due paesi con, al suo capo, un consiglio d'amministrazione autonome. Questo organismo avrà un fondo comune franco-tedesco che servirà agli scambi tra i due paesi di scolastici, di studianti, di giovani artigiani e di giovani lavoratori.

III. - DISPOSIZIONE FINALE

1. Le direttive necessarie saranno dati in entrambi paesi per mettere in opera immediatamente ciò che precede. I ministri degli Esteri faranno il punto delle realizzazione acquisite ad ognuno dei loro incontri.

2. I due governi terranno i governi degli altri Stati-membri delle comunità europee informati dello sviluppo della collaborazione franco-tedesca.

3. Con eccezione delle clausole rispetto alla difesa, il presento trattato si applicherà anche al Land di Berlino, eccetto dichiarazione contraria fatta dal governo della Repubblica federale della Germania al governo della Repubblica francese nei tre mesi che seguiranno l'entrata in vigore dl presento trattato.

4. Entrambi i governi potranno apportare le strutture che si riveleranno necessario per mettere in atto questo trattato.

5. Il presento trattato entrerà in vigore appeno ognuno dei due governi avrà fatto sapere al altro che, al livello interne, le condizione necessarie al suo attuamento sono riempite.

Fatto a Parigi, il 22 gennaio 1963, in doppio esemplare, in lingua francese e tedesca, i due testi facendo anche fede.

Il presidente della Repubblica francese
Charles de Gaulle

Il primo ministro francese
Georges Pompidou

Il ministro francese degli esteri
Maurice Couve de Murville

Il cancelliere della Repubblica federale della Germania
Konrad Adenauer

Il ministro federale degli esteri della Repubblica federale della Germania
Gerhard Schoeder


Trattato dell'Eliseo

*** ***

Il prossimo articolo parlerà del modo in quale i Tedeschi hanno annientati la strategia francese.

fonte
Traduzione Gigi Houille

Peggio del rumore degli stivali...
    ...il silenzio delle pantofole !
                                                       
Max Frisch