mercoledì 22 gennaio 2014

Amicizia franco-tedesca – VIII La vera strategia della Germania


Più di 50 anni di mistificazione del trattato franco-tedesco dell'Eliseo


15 prove per smontare la propaganda :

Dopo il 50° anniversario del trattato franco-tedesco dell'Eliseo del 22 gennaio 1963 e del tsunami di propaganda europeista che invadé i media francesi per questa occasione, è utile fornire un antidoto. Si tratta di una cronologia illuminante degli eventi che hanno circondato questo famoso trattato e la non meno famosa “coppia franco tedesca” che né è sensata essere nata.
Fondata su 15 documenti irrefutabile, questa cronologia permetterà al lettore di smascherare precisamente le bugie svergognate che i media e i dirigenti politiche spargono.

DOCUMENTO 14:
  • 27 febbraio 2004 : FIRMA DELL'ALLEANZA STRATEGICA AMERICANO-TEDESCA PER il XXI° SECOLO TRA IL PRESIDENTE GEORGE W. BUSH E IL CANCELLIERE DELLA GERMANIA GERHARD SCHRÖDER:

Il tempo è passato. Charles de Gaulle è morto il 9 novembre 1970 e i suoi successori hanno rapidamente dilapidato il suo lavoro. Iniziando subito con Pompidou che, il primo dicembre 1969 al vertice europeo di La Haye, decise di « rilanciare la costruzione europea » accettando il principio dell'ingresso del Regno Unito nel mercato comune.
Il 27 febbraio 2004, vale a dire 41 anno dopo la firma del trattato dell'Eliseo del 22 gennaio 1963, il cancelliere della Germania Gerhard Schröder è andato a Washington per firmare, con il presidente americano George W. Bush, un documento importantissimo battezzato « alleanza germano-americana per il XXI° secolo ».
27 febbraio 2004 : Il presidente americano George W. Bush e il cancelliere della Germania Gerhard Schröder firmano l' alleanza germano-americana per il XXI° secolo. (“Das deutsch-amerikanische Bündnis für das 21. Jahrhundert“)

E 'interessante leggere questo e rendersi conto che scrive nel marmo di un accordo bilaterale tra Washington e Berlino, la stessa strategia che era chiara nel famoso "protocollo interpretativo" approvato dal Bundestag tedesco il 15 giugno 1963. La prova è tale che è la Francia che ha cambiato non è la Germania. I nostri vicini di là del Reno hanno sempre favorito - e continuano a favorire - un'alleanza con gli Stati Uniti d'America su qualsiasi altra cosa, e in particolare la Francia.

Questa alleanza strategica, che è un vero "va fa ..." agli altri paesi europei, e in primo luogo per quanto riguarda la Francia, è il risultato di un consenso CDU-SPD. E 'la negazione del Trattato dell'Eliseo del 22 gennaio 1963.


Ecco alcuni estratti:
« Stiamo rafforzando il nostro impegno verso la NATO come uno punto d'ancoraggio per la nostra difesa comune, e come un forum essenziale per le consultazioni transatlantiche.

Sosteniamo il continuo processo di integrazione europea e sottolineammo che è importante che l'Europa e l'America lavorano insieme come partner in una comunità di valori.

Accogliamo con favore lo storico allargamento della NATO e l'Unione Europea. 
»

13 gennaio 2006: Poco dopo la sua elezione alla cancelliera Angela Merkel si reca a Washington per confermare al presidente degli Stati Uniti George W. Bush che la pseudo rotazione sinistra/destra che ha avuto luogo in Germania non rimette in discussione l'alleanza tedesco-americana firmato dal suo predecessore.

Questa alleanza - che nessun partito politico francese vuole presentare ai nostri cittadini per paura di rompere il mito del «  della coppia franco-tedesco » - è il più bello tributo postume alla lucidità di Charles de Gaulle. 
  
Esso rappresenta anche il colpo più bruciante per tutti coloro che hanno osato - e talvolta osano ancora - presentare la cosiddetta « costruzione europea » destinata a « fare contrappeso » all'influenza americana.

Il manifesto del Partito Socialista per chiamare i Francesi a votare SI al referendum sul Trattato di Maastricht il 20 settembre 1992 sembra, con il senno di poi, come una truffa morale e politica. Il PS, anche con molte altre forze politiche francesi, ha sostenuto presso i nostri cittadini che la « costruzione europea » dovrebbe « fare il peso » contro l'influenza americana. 31 anni dopo, la maschera è caduto. Perché è esattamente l'opposto che è vero, e solo Charles de Gaulle lo aveva capito.


fonte
traduzione Gigi Houille


Peggio del rumore degli stivali...
    ...il silenzio delle pantofole !
                                                       
Max Frisch